Decreto Aiuti bis: è compreso il taglio delle accise sul carburante

Decreto Aiuti bis: lo "sconto" dovrebbe arrivare fino a ottobre

attualità
carburante
benzina

Crisi di governo prima e ora piena campagna elettorale, in vista delle elezioni del 25 settembre. Intanto però continua a scendere il prezzo della benzina e l’attuale governo sta lavorando al decreto Aiuti bis.

Cos'è il decreto Aiuti bis?

È un nuovo provvedimento con misure di sostegno a famiglie e imprese per tamponare l’erosione del potere d’acquisto degli italiani e gli effetti negativi dell'inflazione che ha fatto vertiginosamente aumentare i costi a cui devono far fronte le famiglie del Bel Paese.

Ma cosa c'entra il prezzo della benzina?

Nel decreto Aiuti bis ci sono anche i provvedimenti per continuare a "tagliare" il prezzo della benzina. Nei 12.5 miliardi di euro messi in campo dal decreto Aiuti bis ci sono anche i soldi per permettere al Governo di prorogare il taglio delle accise sui carburanti di 30 centesimi.

Per il momento, il taglio al prezzo della benzina e diesel è stato confermato fino al 21 agosto ma lo sconto dovrebbe essere allungato fino alle fine di settembre, anche se alcuni rumors già parlano del mese di ottobre per non dover incappare in ulteriori problemi quando i consumatori saranno concentrati sulla campagna elettorale, per capire chi prenderà le redini del Paese.

E le bollette?

Il Decreto permetterà di "scontare" il prezzo del carburante ma anche di avere numerosi sostegni finanziari per le famiglie italiane contro il “caro bollette”. Le norme anti-inflazione sono previste per il quarto trimestre.

Sono previsti, anche, sconti per le bollette su luce e gas per le famiglie a basso reddito, un azzeramento degli oneri generali sull’elettricità e infine una riduzione dell’Iva al 5% e degli oneri generali di sistema sul gas.