fbpx Incentivi auto 2021 prezzi 10 City Car ibride | CHEAUTOCOMPRO

Incentivi auto 2021: i prezzi reali scontati delle migliori 10 City Car ibride

Scopriamo i prezzi i reali scontati con e senza rottamazione

Auto ibride - Ecobonus
incentivi
ecobonus
citycar

Rumors sempre più insistenti rivelano che dal 25 luglio 2021 saranno reintrodotti gli incentivi sulle auto per circa 250 milioni di euro per le vetture e circa 50 milioni di euro per i veicoli commerciali. Il segmento che ha riscosso il maggior successo è quello che annovera vetture con emissioni tra i 61 e i 135 g/km di CO2, segmento principalmente caratterizzato da vetture full-hybrid e mild-hybrid. Del totale di 250 milioni di euro infatti, ben 200 saranno destinati a questa categoria. In attesa del 25 luglio, scopriamo insieme quelli che potranno essere i prezzi reali scontati delle migliori 10 City Car ibride.

Le migliori 10 City Car ibride

1. Fiat Panda 1.0 Hybrid - City car ibrida Fiat: da 13.000 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 9.500 euro.

2. Fiat 500 1.0 Hybrid - City Car ibrida Fiat: da 15.800 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 11.300 euro

3. Ford Fiesta Active 1.0 - City car ibrida Ford: da 22.150 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 13.300 euro

4. Lancia Ypsilon Hybrid - City car ibrida Lancia: da 15.300 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 10.900 euro

5. Honda Jazz Hybrid - City car ibrida Honda: da 22.500 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 13.000 euro

6. Renault Clio E-Tech - City car ibrida Renault: da 21.950 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 16.500 euro

7. Suzuki Swift 1.2 Dualjet - City car ibrida Suzuki: da 16.000 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 12.000 euro

8. Ford Puma - Citycar/crossover ibrida Puma: da 20.000 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 16.000 euro

9. Toyota Yaris Hybrid - Citycar ibrida Toyota: da 21.500 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 15.500 euro

10. Hyundai i20 - Citycar ibrida Hyundai: da 20.000 euro il prezzo di base, senza contare bonus della casa o eco-incentivi, altrimenti 15.000 euro

1. Fiat Panda 1.0 Hybrid - City car ibrida Fiat:

La Fiat Panda è la citycar più famosa del marchio italiano, un modello che non ha nulla in meno rispetto ad altri Mini SUV presenti sul mercato.

Sinonimo di auto compatta e dai bassi costi di gestione, ma al tempo stesso versatile, sbarazzina e – per chi lo desidera – disponibile anche in versione 4x4 per affrontare percorsi impervi senza rinunciare al confort. Buono lo spazio a bordo, adeguato a quattro adulti, peccato però che l'omologazione per il quinto posto vada pagata a parte.

È disponibile con motori a benzina aspirati da 1,2 litri e 69 cavalli (anche a Gpl) oppure turbo, con lo 0.9 litri Twinair da 85 cavalli anche con la variante a metano. Il look da fuoristrada della Panda è particolarmente apprezzato dagli amanti della vita all’aria aperta poiché si guida agilmente anche lontano dall’asfalto. In arrivo la versione ibrida, equipaggiata con il 1.0 a tre cilindri e un sistema “mild hybrid” dai consumi contenuti.

2. Fiat 500 1.0 Hybrid - City Car ibrida Fiat

La Fiat 500 è una city car che riprende in chiave moderna le linee della celebre antenata, anche se va a collocarsi nella fascia alta del segmento di riferimento. Al design unico ed intramontabile della carrozzeria coniuga gli interni in stile retrò, originali nonché personalizzabili con gadget sfiziosi. L'abitabilità è per quattro persone, anche se chi siede dietro non ha molto spazio per la testa.

Il sistema multimediale ha uno schermo da cinque pollici ed è equipaggiabile con radio digitale, navigatore e app dedicate. La 500 viene proposta con il motore 1.2 benzina da 69 cavalli - eventualmente anche in versione bifuel con impianto Gpl - oppure con la nuova soluzione ibrida che abbina al motore 1.0 tre cilindi Firefly da 69 cavalli il sistema mild hybrid. 

3. Ford Fiesta Active 1.0 - City car ibrida Ford

 

Ford Fiesta frutta il motore a benzina 1.0 EcoBoost a 3 cilindri con un sistema di starter/generatore azionato da una cinghia da 11,5 kW che sostituisce l’alternatore standard. Questo sistema permette il recupero e lo stoccaggio dell'energia accumulata  durante le decelerazioni del veicolo ricaricando un pacco batteria agli ioni-litio da 48 volt raffreddato ad aria.

4. Lancia Ypsilon Hybrid Ecochic - City car ibrida Lancia

La Lancia Ypsilon è un’utilitaria dalla forma originale e ricercata, con spunti di design moderno e altri dal gusto retrò. Concetti che caratterizzano anche l’abitacolo, che può accogliere cinque persone (ma il quinto posto si paga a parte) anche se viaggia comodi in quattro. La strumentazione collocata in posizione centrale è una dei marchi distintivi della plancia della Ypsilon.

È disponibile con motori a benzina aspirati da 1,2 litri e 69 cavalli, anche in versione bifuel a Gpl, oppure turbo, con il Twinair di 900 cc dotati di 85 cavalli proposto esclusivamente in versione adoppia alimentazione benzina e metano, dai costi di gestione estremamente contenuti. È un’auto che piace per il suo essere chic, per i materiali e i rivestimenti di pregio degli interni e per essere maneggevole. Mancano però i dispositivi di sicurezza più recenti, come gli Adas.

Lancia Ypsilon è datata del nuovo motore da 1 litro a 3 cilindri della famiglia Firefly, da 70 Cv, affiancato ad un motore elettrico Bsg (Belt integrated Starter Generator) da 12 volt ed una batteria al litio.

5. Honda Jazz Hybrid - City car ibrida Honda

La Honda Jazz è un'utilitaria prodotta dalla Casa giapponese, giunta alla sua quarta generazione. Oggi la compatta giapponese è disponibile solo in versione ibrida, con il powertrain costituito dall'unità termica a 4 cilindri da 1.5 litri che eroga 90 cv e quella elettrica che da sola ne eroga 109. 

In Italia è disponibile nella versione e:HEV, ovvero ibrida con due motori elettrici collegati al benzina da 1,5 litri. Honda Jazz Hybrid (full hybrid): prezzo di listino da 22.500 euro.

la Honda Jazz è disponibile in quattro allestimenti: Comfort, Elegance, Executive e Crosstar Executive, la top di gamma. Su quest'ultima sono di serie tutti gli optional tra cui i fari Led, l'avviamento senza chiave e tutti i servizi di connettività come Honda Connect, Apple CarPlay e Android Auto.

6. Renault Clio E-Tech - City car ibrida Renault

La Renault Clio è un nome storico del marchio francese, la quinta generazione ha reso più dinamico e accattivante il design esterno, mentre nell'abitacolo ha guadagnato molto in qualità e in tecnologia come il cruscotto digitale e il nuovo sistema multimediale. Notevole la dotazione di Adas. Buona l'abitabilità e la capienza del bagagliaio, ma la soglia di carico è a alta da terra. La Clio è disponibile con motori benzina 1.0 e 1.3 (con potenze da 75, 100 e 130 cavalli), 1.5 diesel (85 o 115 cavalli) per chi fa molta strada e Gpl da 100 cavalli per chi si muove molto in città. Nel 2020 l'offerta si allarga con il debutto della versione ibrida Clio E-Tech da 140 Cv e 65 Km percorribili in modalità elettrica. La versione consigliata, per chi si muove in città, è la versione ibrida o la brillante versione benzina in allestimento Zen. Chi percorre molti chilometri può optare per la 1.5 diesel da 115 Cv o la versione GPL. Pregi: l'impianto di infotainment e la dotazione completa di sistemi di ausilio alla guida. Difetti: lo spazio in altezza per chi siede dietro. 

7. Suzuki Swift 1.2 Dualjet - City car ibrida Suzuki

La Suzuki Swift è il modello in primo piano del marchio giapponese con forme da sportiva e linee moderne, dotata anche dei nuovi fari full LED. Si aggiorna anche la calandra, ora con un motivo 3D più pronunciato e moderno. Lunga 385 centimetri, la Suzuki Swift Hybrid è stata realizzata sulla piattaforma Heartect per accogliere il sistema 4×4 AllGrip Auto e i sistemi ADAS, con guida autonoma di livello 2. In gamma motori, risponde presente il 1.2 aspirato a benzina da 83 CV con sistema mild-hybrid. Da segnalare la presenza della versione Swift Sport, ora anche Hybrid col motore 1.4 Boosterjet di nuova generazione da 129 CV. Il listino della nuova Suzuki Swift Hybrid 2020 parte da un prezzo d’attacco di 17.290 euro, salendo a 23.850 per la Sport Hybrid.

8. Toyota Yaris Hybrid - City car ibrida Toyota

La quarta generazione della reginetta delle city car ibride si rivoluziona dentro e fuori: il nuovo sistema full hybrid basato su un 1.5 litri, 3 cilindri, in grado di erogare 116 CV e una piccola batteria promette consumi nell'ordine dei 2,8 litri/100 km. Nuova piattaforma e un'estetica più dinamica e affascinante. Dentro le portiere c'è tantissima tecnologia per rendere più confortevole l'ambiente. Il Toyota Safety Sense offre il Cruise Control Adattivo Full Range con Stop&Go, il Sistema di Mantenimento Attivo della Corsia LTA e il sistema di assistenza alla sterzata di emergenza.

9. Ford Puma - City car/ crossover ibrido Ford

Non è propriamente una citycar ma con le sue dimensioni contenute riesce a destreggiarsi tranquillamente nel traffico cittadino. 

Moderno e versatile crossover, la nuova Ford Puma non ha nulla a che vedere con la coupè del passato. È lunga 4 metri e 19 centimetri, 14 centimetri in più della Fiesta sulla quale è basata. Con la Puma attuale arrivano soluzioni tecnologiche all’avanguardia e il debutto per i motori della tecnologia mild hybrid. 

10. Hyundai i20- City car ibrida Hyundai

Anche lei non è proprio una citycar fatta e finita ma con le sue dimensioni contenute non ha problemi a svolgere il ruolo di citycar portando in dote una guida più dinamica e spazio a bordo maggiorato.

Nuova i20 propone una gamma motori rinnovata e una scelta tra due differenti propulsori e tre tipologie di cambi. Al top della gamma un motore 1.0 T-GDi turbo benzina da 100 CV abbinato a un sistema mild-hybrid a 48 volt che contribuisce a una riduzione del 3-4% dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2.